CONSIGLI DI NATUROPATIA PER L’INFLUENZA

Con l’arrivo dell’autunno e dei primi freddi il nostro corpo inizia ad essere messo alla prova, si presentano i primi malanni di stagione. Ecco qualche rimedio naturale per alzare le nostre difese immunitarie e prepararci ad affrontare al meglio il prossimo inverno!

In primis parliamo dell’ECHINACEA:
echinaceaL’echinacea, grazie alle sue proprietà immunostimolanti, è una delle piante medicinali più ricercate nel panorama fitoterapico italiano. Il crescente interesse verso l’echinacea deriva dalla sua capacità, in gran parte confermata da studi farmacologici, di aumentare la resistenza alle infezioni. In particolare questa pianta si è dimostrata particolarmente utile negli stati influenzali e nella prevenzione delle malattie da raffreddamento.
Il succo delle parti aeree e gli estratti delle radici hanno dimostrato importanti azioni antivirali. Tale caratteristica è imputabile sia all’effetto generale immunostimolante, sia alla sua capacità di inibire l’enzima ialuronidasi che degrada l’acido ialuronico nei suoi costituenti fondamentali. Oltre a rappresentare un nutriente essenziale per le cartilagini articolari, questo polisaccaride rientra nella composizione del tessuto connettivo, di cui regola la permeabilità.

Parliamo ora della ROSA CANINA:
rosa-caninaGrazie alle sue proprietà antinfiammatorie e la sua ricchezza di vitamina C, è molto utile nella cura di congiuntivite e asma, ma anche per l’assorbimento di calcio e ferro.
Il gemmoderivato di giovani germogli ha proprietà immuno-modulanti, cioè regola la risposta immunitaria dell’organismo, conferendo al preparato un’efficace azione contro tutte le forme di allergia. In particolare, la sua assunzione migliora la risposta immunitaria a livello respiratorio nei soggetti a tendenza allergica e nei bambini. La proprietà antinfiammatoria trova un importante impiego terapeutico nelle flogosi acute che comportano alterazioni delle mucose nasali, degli occhi e delle prime vie aeree con conseguente produzione di catarro.
Per tali proprietà, la rosa canina non solo rappresenta un ottimo rimedio nella prevenzione di allergie e nella cura di rinite, congiuntivite e asma dovute al contatto con pollini, ma è consigliata nelle affezioni infantili come tonsilliti, rinofaringiti, otiti, tosse e raffreddore di origine infettiva.
I piccoli frutti (bacche) sono considerati le “sorgenti naturali” più concentrate in Vitamina C, presente in quantità fino a 50-100 volte superiore rispetto alle arance e limoni: per questo è in grado di contribuire al rafforzamento delle difese naturali dell’organismo (100 grammi di bacche contengono la stessa quantità di vitamina C di 1 kg. di agrumi tradizionali).

Simona Cornegliani – Naturopata e Counselor del Benessere