MASSAGGIO THAILANDESE

Il massaggio thailandese ha origini molto antiche: deriva dalla medicina ayurvedica e dalle tecniche di yoga provenienti dall’India, e si presume sia stato influenzato anche dai concetti cinesi di agopuntura e agopressione. In Thailandia veniva praticato nei monasteri e, dagli anni ’50, si è poi diffuso in tutto il paese.
Questo tipo di massaggio, come tutti i trattamenti orientali e a differenza di quelli occidentali, che lavorano prevalentemente su muscoli e tendini, lavora sul riequilibrio del prana (ki, o energia vitale), basandosi sul concetto che l’energia bloccata origina disturbi.
Questa tecnica prevede delle pressioni su punti lungo i sen (percorsi simili ai meridiani dello shiatsu), che vengono effettuate tramite palmi delle mani, pollici, avambracci, gomiti, ginocchia e piedi e con il movimento di tutto il corpo, dal basso verso l’alto (e ritorno). Fondamentali sono anche gli stiramenti, derivanti dalla tradizione indiana, e che quindi talvolta riprendono le asana (forme) utilizzate nell’hata yoga.
Non si utilizzano né oli né creme, dunque il ricevente rimane vestito e steso a terra su un futon nelle varie posizioni supina, prona, laterale e seduta.

Il corso di massaggio thailandese organizzato dal Centro del Benessere ha la peculiarità di essere rivolto ad allievi occidentali, insegnando il rispetto per la persona, senza forzature e senza lavorare direttamente sulla zona del dolore. La tecnica risulta dunque “morbida” e caratterizzata da una pressione corretta fatta col corpo, a differenza di alcuni corsi più “duri”.
Il risultato è un trattamento dinamico che, eseguito all’occidentale, dura circa un’ora. I benefici sono molteplici: rilassa, migliora la circolazione sanguigna, l’elasticità muscolare e i problemi posturali del ricevente. E’ indicato per riceventi molto contratti e pigri (si chiama infatti anche “yoga dei pigri” perché è l’operatore che fa assumere le asana, con il ricevente che fa ginnastica passiva). Poiché si trattano i sen, che sono collegati agli organi, si può anche lavorare sui vari disturbi interni di cui soffre la persona.
Gli stessi allievi, nell’apprendimento della tecnica, avranno dei benefici a livello di elasticità muscolare, postura e capacità respiratoria.
Il corso è una piacevole occasione per poter imparare e sperimentare sulla propria persona diverse tecniche di massaggio orientale adatte a tutti.

Al termine verrà rilasciato ai partecipanti un attestato di frequenza.

Insegnante: Roberta Wurth

PROGRAMMA
POSIZIONE SUPINA: trattamento completo di piedi, gambe, braccia e mani sia dal punto di vista muscolare e articolare sia a livello energetico dei meridiani.
POSIZIONE PRONA: trattamento di piedi gambe e soprattutto schiena. Lavoro sui “SEN” (canali energetici), apertura delle articolazioni e allungamento muscolare.
POSIZIONE SEDUTA: trattamento collo, spalle e schiena. Stretchings e rotazioni.
POSIZIONE SUPINA: trattamento collo, viso su punti specifici. Rilassamento generale. Chiusura trattamento.
Inoltre si apprenderanno tecniche di automassaggio, tecniche specifiche di stretching e di riattivazione della circolazione (apertura dei “wind gates”) e tecniche di riequilibrio energetico e muscolare.
Una breve introduzione teorica tratterà le origini e i principi base della tecnica.

CORSI 2017-2018

Mini corso gratuito introduttivo: venerdì 29 settembre dalle 19 alle 22

CORSO SERALE: da giovedì 19 ottobre dalle 19.40 alle 22.40 (8 lezioni)

Punti ECOS previsti: 36

Per info e iscrizioni: info@centrodelbenessere.it – tel. 02-26681272
Evento dedicato ai soci del Centro del Benessere e tesserati ARCI